PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

LACRIME

All’alba bruciano dentro.
Nascono avvolgendo, quelle due perle oramai luccicanti,
all’esplodere, roventi percorrono il mio viso.
Interrottamente scivolano, e come il dolore
mi feriscono, come quella morsa che al giusto tempo
mi soffoca e mi rende inerme.
Mi accorgo dell’inutilità della vita,
di quanto tutto significhi e non significhi nulla,
di quanta superficialità e indifferenza
siamo fatti noi esseri meschini. Di quanta crudeltà e
ingiustizia avvolgano l’esistenza di ogni umano.
Se non esistesse il dolore, saremmo creature migliori?
Saremmo capaci di trovare, del tutto, noi stessi?
Domande che, insieme ad altre, affliggono le mie giornate.
Alla sera, nuovamente, bussano al mio animo
E mi costringono a farle uscire. Questo è l’inizio e la fine ….
sempre lacrime, sempre lacrime.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0