accedi   |   crea nuovo account

[Senza titolo]

Si  aprirono  le  mura …
Ho  bevuto  il  calice  fino  in  fondo.
Qui  ci  sono    folle  di  gente,
E  mi  sento  bruciata  sul  rogo…
      Giochi  innocenti  all’Amor
      Risultarono  un  disordine  totale.
      Sempre  un  gioco  sì ,
      Una  sciocchezza  fatale…
I  giorni  passati
Non  saran  paradiso  perduto.
Sii  Uomo  tu:
Non  tormentarmi  di  più…
        Non  strapperai  una  stella dal cielo,
        Cascherai  soltanto.
        È stato  sbagliato  incontrarsi
        E  adesso  paghiamo.
Cancellando  limiti,
abbiam  oltrepassato  la  riga.
E  che  cosa  abbiam  visto  lì ?-
Solamente  un  vuoto.
        Deluso, solo,
        l’Amor  si  uccise,
        aggiungendo  il  proprio  sangue
        al  cuor  già  in  lacrime…
Non  mi  ammazzerò  per  te,
anche  se  mi  sembra  strano.
Dopo  una  pioggia  a  dirotto,
il  sole  mi  lusinga  di  nuovo.
        Si  colora  ancora  la  vita
        In  primavera…
        Io  non  voglio  pace,
        e  voglio  che  tu  lo  sappia. 

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Sergio Fravolini il 15/08/2010 09:18
    L'impostazione dei versi è sicuramente diverso forse appartiene ad un'altra scula.
    Il testo è ricco di rabbia palpabile dal lettore.
    Mi piace.

    Sergio
  • Vincenzo Capitanucci il 18/05/2008 22:21
    Una guerriera dell'infinito... Amore.. bisogna bere il calice fino in fondo.. forse bisogna anche ingoiare il calice... restando sempre vivi.. in allerta..

    v
  • Anonimo il 18/05/2008 18:16
    Il dolore... musa impetuosa ma efficace,
    per scrivere versi di questa entità..
    Ciao Irina
    Angelica
  • Irina Koff il 18/05/2008 13:18
    ma non è che il dolore che ispira poeti? ciao a tutti... bacini!
  • laura cuppone il 18/05/2008 11:42
    Irina... sorry!!
  • laura cuppone il 18/05/2008 11:42
    bella e molto sentita...
    il punto di non ritorno
    ... no.. nessun ritorno...
    ciao Irene
    Laura
  • giuliano paolini il 18/05/2008 09:47
    la lirica e' sopraffina ma per me il senso del dolore e' troppo forte le cose hanno sempre il significato che vogliamo attribuirgli nel non decidere nessun colore sta la possibilita di godere di tutte le sfumature

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0