username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Era d'aprile

Era d'aprile e fra il rigoglio del giardino
annaspava lo sguardo ad ammirare tanta bellezza.
Fiori che s'aprivano al primo tepor del sole,
farfalle svolazzanti e indecise da un calice all'altro,
una pigra lucertola lungo il muro sbrecciato,
un viavai di formiche fra i sottili fili d'erba,
e nell'aria i primi bisticci di due uccelli innamorati.
La primavera scendeva solenne sulla terra
a riprendersi il suo trono e nell'idillio
di una natura ritrovata splendeva il tuo sorriso.
A me volgevi lo sguardo, per me eran le tue parole,
su di me scivolavan lente le tue mani.
Primavera era per tutti, risveglio di sensi,
di sentimenti, di gioia di vivere,
una stagione magica rivissuta insieme
nell'autunno della nostra vita.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 20/10/2012 16:45
    Immagini e versi per una sintesi cromatica di un aprile in poesia.
    Conosco già la tua bravura... non mi dilungo.
    Ciao
    Aureelio

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0