PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

non a me

non a me,
chiedi ad una stella.
nel perimetro si sta comodi
ma e' una costruzione
che non ci appartiene.
avvolto dai dubbi
fara' molto freddo
che il tessuto e' debole
e quando
nudo,
il buio
e la solitudine
si faranno totali
solo allora
saprai
se ne valeva la pena.

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 25/03/2012 11:28
    Bisogna amare la solitudine per amare se stessi.
    Suggestiva.
    bravo.

4 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 18/05/2008 18:44
    Ne valeva sicuramente la pena... immensa fu la gioia..

    v
  • Anonimo il 18/05/2008 16:30
    cerchiamo risposte... certezze... ma sappiamo che non ne troveremo...
    e sapremmo mai se ne valeva la pena?
    chissà!
    almeno si scrive, però...
    per questo sì che.."vale la pena"! Bravo!
  • c m il 18/05/2008 14:57
    come mi pare che anche tu intenda in questa poesia
    talvolta ci vogliono il silenzio e la solitudine per apprezzare un luogo con sufficente luciditàin una città che pare un museo per turisti sempre molto affollata
    il silenzio e le strade umide e vuote nella notte sono inestimabili.

    ti ringrazio dell'augurio
    sia nelle gioie che nei dolori profondi
    molto apprezzato
    che non sia mai apatia nemmeno per te


    mi piace la tua visione ed il modo in cui scrivi.
    buonagiornata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0