accedi   |   crea nuovo account

Cavalcando a pelo nell’enigma dei Dogon a briglie sciolte Sothis

Un pennino dito intinto nel nulla

Traccia una linea sinuosa

Invisibile e tortuosa

Nella memoria dei ricordi perduti

Unendo con un filo di luce

Le sponde conosciute

a quelle dell’ignoto

Riportando sapori essenze

Non ancora parole

Ne visioni


Soltanto un profondissimo

Oceano di Amore

al quale aggrappato

Mi lascio andare

Sprofondando

Nel profumo insaziabile

Del tuo sorriso


Si spegne il mio

Baciando

Ancora una volta

Un volto vuoto di colore

Esistente inesistente

Di passione

In infinita desolazione

123

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0