PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A te

A te,
figlia di mio padre, figlia di mia madre;
a te,
che sei stata una madre e sei stata un padre.

Solo ora ripenso in questa mia, un tempo nostra, stanza
a come, da sposa, quel giorno, eri ancora più bella.
Ma coltivo da tempo la muta speranza
che tu possa dire, fiera, Lei è mia sorella.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 28/05/2011 00:38
    È bello provare sempre in cuore l'affetto per i propri fratelli. Se poi una sorella è stata anche madre allora il ricordo è indistruttibile.
  • Maurizio Lombardi il 28/05/2008 21:57
    ciao cinzia, nn sapevo che anche tu scrivessi poesie. Comunque comlimenti, le ho lette tutte le poesie, e questa è quella che mi piace di più, una dedica a una sorella a cui (se ben ho capito dalle tue parole) sei molto affezionata. E quale miglior modo per dimostrarle la tua stima se non con una bella poesia? Complimenti ancora!
  • C n il 24/05/2008 14:49
    Grazie di cuore a tutti e 3
  • Anonimo il 19/05/2008 23:00
    è bello avere una così stima positiva per una sorella, ma anche quando una non dimostra dentro al cuore sa di amare la prossima più vicina e di aiutarla anche quando lei non sà. ciao salva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0