username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il leone calvo

Son passati anni su anni,
nel completo oblio,
senza sapere che strade prendere,
vita inutile trascorsa a chiedersi perchè.

Pensieri a volte funesti a volte fatui,
ma pur sempre stanchi,
prendere a testate le vaghe parole,
disperdere al vento esistenze.

Un leone sopito e stanco,
neanche la forza di ascoltare
il proprio cuore ormai indurito,
senz'aria sufficiente a vivere.

C'è nell'aria qualche cosa però,
non riesci a capire,
ad un tratto lo vedi alzare la testa,
le sue nari improvvisamente aspirano aria.

Un nuovo profumo?
o forse un alito di vento nuovo,
ancora non capisci l'atmosfera
che si sta creando.

Ecco si solleva, muove i primi passi,
verso un mondo a lui sconosciuto,
una nuova incalzante sensazione,
sta cambiando il tempo che trascorre.

Nel silenzio della radura
un ruggito squarcia l'aria,
un secondo segue, più possente,
si guarda attorno... tutto è silenzio.

Il risveglio si sta compiendo,
il passo ora è deciso, regale,
come si conviene ad un re,
la criniera alta, la sguardo fiero.

E'in lui che ora mi sento,
cuore che si ribella,
animo in tumulto,
attendo il balzo finale.

Attenti! è guardingo, sicuro s'avanza,
maestoso e altero,
i suoi occhi fiammeggianti
fissano l'orizzonte.

12

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • augusta il 13/03/2012 15:13
    bellissima complimenti
  • sara rota il 20/05/2008 14:32
    Bello il tuo leone... fiero e coraggioso prima... mesto e rilassato poi... bello il verso finale verso l'infinito...
  • Maurizio Patrocinio il 20/05/2008 13:50
    Grazie a tutti. Stai tranquillo Andrea, anzi accetto volentieri le tue osservazioni. Maurizio.
  • Andrea Iaia il 20/05/2008 11:17
    Un leone buono insomma, diverso da come lo immaginiamo. Bel dipinto hai fatto, mi è piaciuta. Correggi però "acapire" l'hai scritto tutto attaccato, e poi, gli spazi lunghi degli apostrofi, e ancora, quando una parola è al femminile, và messa l'apostrofo come "Senza aria" và scritto "Senz'aria". Mi la prendi a male vero? Ti abbraccio.
  • Vincenzo Capitanucci il 20/05/2008 10:49
    Bellissimo balzo del rinato leone vrso una vita infinita..

    un Minotauro
    v

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0