PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

corpo

non hai nemmeno tolto la giacca
poche parole
tanti sguardi
poi le mani
il pavimento
mi hai baciato il labbro inferiore
in tutta la sua lunghezza
hai protetto la mia testa dagli spigoli
dal muro e dal frigorifero
hai scaldato il mio corpo
l'hai abbracciato tante volte
l'hai lasciato dormire
su di te
hai scelto questo modo per dirmi chi sei
mi porgevi il collo
come un gatto nero e cattivo
che si concede qualche istante
arrogante e arruffato
soffiavi ai miei morsi
ed eri un caldo richiamo
ti bagnavo quel collo
mi stofinavo contro la tua barba corta
mi accorgevo che mi guardavi baciarti
cercavi le mie parole
io non le curavo
volevo essere corpo in quel momento
mi hai leccato la faccia gli occhi l'anima
lasci un sapore amaro di maschio ferito
la pelle che scotta ha l'odore
della terra
della tue parole piene
rispetto a queste fatte di straccio
che eppure amo
e amo quel tornarci sopra
io e te
e non riesco a trovare l'errore
in due corpi che si ammorbidiscono insieme.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • giuliano paolini il 21/07/2008 17:40
    c'e' insieme dolore e consapevolezza di non poter fare altrimenti
    e' una sensazione non piacevole ma la lirica e' espressa bene
  • Giovanni... il 26/05/2008 16:47
    Ma sei brava complimenti molto piaciuta, a presto mia cara amica, bacio Gianni.
  • Anonimo il 26/05/2008 09:51
    Spiegazione ad Aurora: Nick Drake era entrato improvvisamente nel sito senza presentare opere e profittando dell'anonimato per sparare su tutti noi e in particolare su qualcuno, il chè lasciava supporre che questo nick fosse l'emanazione di qualcun'altro iscritto al sito. Vistosi placcato (e forse scoperto) da alcuni iscritti, ha preferito battere in ritirata e lo staff ha cancellato le sue tracce. Per tua conoscenza, il suo commento alla tua poesia era positivo. Come il mio, del resto. Spero di esserti stato utile. Ciao
  • Ugo Mastrogiovanni il 24/05/2008 15:28
    Così come ho molto apprezzato “Mi chiamo” di Aurora Marella, non posso che disapprovare il suo “Corpo”: ai miei tempi un argomento del genere sarebbe stato messo all'indice.
  • laura cuppone il 24/05/2008 00:46
    semplicemente splendida!!!!!!
    COMPLIMENTI!!!!!
    Laura
  • aurora marella il 23/05/2008 14:06
    ciao a tutti e grazie per l'attenzione per questa cosa che ho scritto.. sinceramente pensavo passasse inosservata. ho un po' di cose da dire: sembra che tutti abbiano letto il commento di questo nick drake ma io no. non l'ho rimosso io.. anzi sono andata a cercare qualcosa su di lui ma.. nulla.. avrei voluto sapere cosa voleva dirmi.. scrivendo non mi aspetto che arrivino bei giudizi o brutti.. semplicemente pareri. non ho la pretesa di scrivere poesie, solo scrivo le mie sensazioni, quelle che ho vissuto. caro giacomo, non guardo il sito ogni giorno, l'ho visto di sfuggita ieri. e oggi scrivo qui alla tua sollecitazione. non mancherò nel fine settimana di cercare qualche tua opera e leggerla con piacere senza fare la gara di chi ne ha passate di più!;o). ad ogni persona che mi ha scritto ho sempre risposto. magari non immediatamente! ma ti ringrazio per l'interessamento.
  • Gabriele Cambiaghi il 22/05/2008 20:05
    L'errore è che ti stai facendo del male per qualcuno che non ti ama come meriti, ma nessuno può decidere quello che vuoi tranne te stessa. Se vuoi affrontare tutto questo da sola posso solo augurarti che lui si accorga dell'errore e faccia in tempo a correggerlo.
  • Emiliano Rizzo il 22/05/2008 12:50
    fuoco e calore espresso come uno shiaffo in faccia. 10 e lode come sempre.
  • Anonimo il 21/05/2008 10:14
    La poesia mi piace e detesto i moralismi. La giustificazione che ha dato Giacomo all'assenza di commenti è comunque azzaccata e matura. A mister Drake faccio notare un paio di cose. Noi ci commentiamo, ci critichiama, ci blandiamo pure, ma ci mettiamo in gioco. Non dovrebbe esserti difficile capire che chi spara critiche -cattive o buone- senza proporre i propri meriti o demeriti, non è visto bene, spece se si mette anche a sparare sulla folla come hai fatto tu. La seconda cosa è che le opere dei dilettanti rappresentano spesso sentimenti, dediche e accadimenti veri nel rispetto dei quali noi scegliamo in genere di pubblicare il commento positivo e omettere il negativo. Ci sono quelli che poetizzano per gioco -come me- e altri magari giovanissimi o comunque indifesi che ne soffrono. Da quando sono iscritto ho fatto solo due, tre critiche negative e ne sono pentito anche perchè il criticare è davvero la cosa più facile al mondo. Se invece vorrai entrare in gioco anche tu, benvenuto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0