PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Notte di Primavera

E si saprà in un giorno la serenità
echeggerà in una notte la felicità,
e si capirà come un cuore nato in libertà
flebili carezze e nuovi sogni pulserà.

Ecco sto piangendo lacrime d'amore
e sto ridendo a specchi di paure,
ecco mi sto tuffando nei tuoi occhi di stupore
perdendomi in labirinti di ombre e colore.

Ma ora tu, viso dolce e ferito
del tempo rapito caro sodale sperduto,
piangi dentro sentimenti di soffocanti memorie
quando soffri tra le mie mani brividi di timore.

Ecco stai piangendo lacrime d'amore
e stai ridendo a specchi di paure,
ecco ti stai tuffando nei miei occhi di stupore
perdendoti in labirinti di ombre e colore.

(A Susanna)

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 04/08/2012 13:29
    Si vede che proviene dall'anima!
    Bei versi
    Brava/o
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/05/2008 08:59
    Un brano da musicare.