PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il Sorriso del Sole

Un brusio
quand'ecco, si tace.
Quel rumore che smembrava
in minuscoli intangibili pezzi
la mente percossa
d'eterne frustate di dolore.
Sì, quel dolore che ti chiamava madre,
figlio dell'innocenza,
nel possederti in aggrovigliati pianti.
Ed ora. Non più.
Cos'era allora, ... Un momento?
Un unico spiraglio
in cui i tuoi occhi si erano insinuati,
curiosi?
Oppure la stanza era troppo, troppo luminosa
[... da accecarti?]
per contenerti tutta?
Hai spezzato con denti a divorarle
le barriere che ti occludevano.
Hai strappato le ali turpi, gridando...
di saper volare.
E il rumore non ti ha reso sorda.
Hai solo sentito troppo
per poter piangere, poi, ancora,
lacrime che avevano il sapore del passato.
Per poter almeno sapere
come sorride il sole
anche se il suo sguardo
uccide,
come se fosse un peccato compiuto,
gli occhi profanatori.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Sergio Fravolini il 10/08/2010 16:11
    Come sorride il sole?

    Sergio
  • Kiara Luna il 11/10/2008 10:56
    Tanta tristezza ke lascia però spazio alla speranza. Bella.
  • Anonimo il 28/05/2008 08:14
    "Per poter almeno sapere come sorride il sole"... bellissima quest'immagine, mi piace complimenti

    p. s. grazie per il commento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0