PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sconforto

Mi pongo domande
ma il vento ricopre
risposte lontane;
immane il ricordo m'assale
e torno a guardare
orizzonti perduti
e voli di liberi uccelli
stagliati nel cielo.

Rimane il mio grido
disperso nel tempo,
nemmeno il conforto d'un eco;
di cupa mestizia si veste
quest'aria che ora respiro,
svanisce il sorriso
e privata dell'ali
rovina speranza.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 22/05/2014 23:51
    Nemmeno il conforto d'un'eco...
    Meravigiosa
    Piaciuta complimenti!
  • Maria Gioia Benacquista il 27/05/2008 13:05
    Nei momenti di sconforto diventiamo ciechi e sordi... solo ascoltiamo le nostre grida che il vento dissemina nell'aria.
    Molto bella.
    Maria G.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0