username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Corpo e Sangue

CORPO E SANGUE

Io sono il pane vivo disceso dal cielo.
(Gv 6, 51)

Pane e vino, corpo e sangue di Cristo,
morte e vita a confronto
per strappare l’uomo sprofondato
in un’esistenza senza nutrimento.

Pane offerto in sacrificio gradito,
corpo immolato per l’espiazione,
sangue che scorre cruento,
versato per noi come sigillo d’amore.

Questo pane ha un nome perché è vivo:
è Persona, Corpo del Verbo incarnato;
il sangue della vita è trasfuso in noi
per rigenerare le nostre anime inaridite.

Corpo di Cristo risuscitato per noi,
che vive e cresce oltre la morte;
Cristo crocifisso inaugura in sé
la nuova umanità riscattata dal male.

Il suo Corpo è glorificato in cielo
ed ancora oggi è martoriato in terra;
è pane continuamente spezzato che
ricompone nell’unità i nostri cuori lacerati.

Corpo salvato dalle acque in Mosè,
attraversa in Israele il mare della morte
per cantare, al di là della sponda,
la libertà dei figli redenti.

Corpo che diventa manna celeste nel deserto
del lungo peregrinare della vita;
per noi si è fatto manna gustosa,
viatico di speranza per il cammino.

Corpo abitato dallo Spirito Santo di Dio
che fa vibrare il mondo intero;
la sua potente Parola è alito
di vita perenne, oltre la morte.

Sangue che scorre vitale nelle membra,
vino nuovo per le mistiche nozze di Dio
con la sua umanità salvata per sempre
dalla schiavitù dell’antica condanna.

12

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Fuvell Altego il 04/03/2010 23:07
    Bella poesia. Molto comunicativa.
  • Anonimo il 03/03/2010 14:25
    La tua opera mi ricorda un passo del Vangelo di Marco «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio...», per questo ringrazio Padre Benedetto, perchè quel Corpo e quel Sangue sono del Mio Signore e del Mio Dio che ha aperto le sue bracia sulla Croce anche per me!
  • Anonimo il 17/04/2009 03:29
    Bella, corpo e sangue. Piaciuta.
  • Adamo Musella il 04/09/2008 22:30
    Scorre nelle mie vene, mi ricorda che sono vivo, mi aiuta a pensare a camminare nel mondo... tutto nasce dalla sofferenza e tutto si ricongiunge alla vita la mia, la nostra per ricordarci, per raccontarci che siamo vivi per atto d'amore. Una poesia viva e dolce Bravo padre Benedetto a presto
  • giuliano paolini il 01/06/2008 11:05
    la cosa magica e curiosa allo stesso tempo e' che una idea o una persona che vengono ricordate da altri fanno vivere la persona ben oltre il limite fisico della sua presenza. io credo nella magia della vita di ciascuno e nella possibilita' che ognuno per il semplice fatto di esistere abbia intrinsecamente il compito supremo di esprimere se stesso alla massima possibilita'
  • laura cuppone il 30/05/2008 13:53
    Grazie padre Benedetto
    per le tue parole
    le tue Verità
    sono Vita per noi..
    io So
    io Sento
    Poichè Lui
    È in me...

    un abbraccio fraterno...

    ps.. leggevo che é stato in missione...
    sono lusingata di conoscere un'anima così nobile... e serva del Sommo Bene...
    con ammirazione...
    laura
  • Vincenzo Capitanucci il 29/05/2008 05:28
    Si puo dire solo Amen... Vieni Signore Gesù.. a compire queste Nozze Mistiche.. con la discesa della Gerusalemme Celeste... su terra... Vieni o Sposa Divina...
    18 anni fa.. più o meno.. volevo farmi monaco Trappista... ma il mio amico che doveva accompagnarmi.. non riusci a trovare la strada in mezzo al bosco che portava al monastero... se l'avesse trovato.. sarei rimasto lì... non era nel mio destino...
    v

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0