accedi   |   crea nuovo account

vedere cosa come

e allora togliamo gli occhiali
mentre il mondo mi dice
mangia!
togliamo gli occhiali
mentre qualcuno mi dice
ridi!
e anche li tolgo ogni volta che
mi sento rinfacciare
dove eri con chi perchè per quanto!
togliamo gli occhiali
perchè possa cantare dove mi pare
e perchè possa anche piangere
se mi va
e innamorarmi di chi voglio
così senza vedere nitido
perchè
se questo intendevi
caro cattivissimo amico
hai tanta ragione
quanto cuore
nello scrivere
che quando l'amore vuole entrare
non guarda le belle cornici
ma gli interessa la pelle.
se tolgo gli occhiali
non ci vedo
ma rimane tutto a fuoco
i contorni sono l'idea che svanisce
il colore è un fioco tentativo
di definizione
ma non si può de-finire
e incastonare
questo tanto delicato quanto forte
percepire.
si crede che la vista
sia il senso più importante
ma quando questa fatica
forse si sente di più con tutto il resto
del corpo
che è spinto al contatto
all'odore
al gusto
all'ascolto
e si sa dell'altro essere di fronte chi è
non solo chi sembra.
se tolgo gli occhiali il mondo non cambia
cambio io.
divento io.
di più.
e mi innamoro
senza occhiali non ti scambierei mai
per qualcun'altro

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Orazio Claveri il 04/12/2010 07:27
    molto gradevole leggerti, brava
  • lucia cecconello il 06/06/2009 20:53
    Piaciuta, brava
  • pietro luigi crasti visintini il 16/07/2008 06:49
    contenuto ribelle contro l'ipocrisia delle regole e regolette, alcune comunque non vanno buttate, bello il tuo libero spirito! Brava
  • aurora marella il 06/06/2008 14:42
    ciao gianni un bacio spero di cuore tu stai bene e spero di sentirci presto un bacio un abbraccio un pensiero a
  • Giovanni... il 05/06/2008 21:50
    Bella parole sante, anche al buio riconoscerei il mio amore fra mille!!!!!!!!!!
  • aurora marella il 02/06/2008 12:37
    grazie giuliano, anche se non ho capito bene chi sono gli impiccioni.. in linea generale, sugli impiccioni che si vogliono fare i fatti mieicondivido anch'io.. ma qui.. perchè impiccioni? un bacio aurora
  • aurora marella il 02/06/2008 12:35
    grazie andrea, forse quando ho scritto di getto questo non stavo gridando ma sicuramente avevo molti punti di domanda in sospeso.. l'ultima frase, quando tolgo gli occhiali e di fatto non ci vedo bene, mi fa veder molto meglio perchè sento con quello che sono quello che mi succede, senza bisogno di vedere. in qualche modo forse esprimiamo la stessa idea. grazie.
  • aurora marella il 02/06/2008 12:32
    grazie giacomo del tuo commento. parlavo degli occhiali come una specie di metafora senza pretese attraversu cui spessi si guarda il mondo nelle forme troppo convenzionali per adattarsi alla vita di ogni persona.. credo che servano il cuore e lo sguardo limpido innanzi tutto per riconoscere gli schemi e guardare al di là. tutto qui. grazie
  • Emiliano Rizzo il 02/06/2008 12:30
    grazie giacomo del tuo commento. parlavo degli occhiali come una specie di metafora senza pretese attraversu cui spessi si guarda il mondo nelle forme troppo convenzionali per adattarsi alla vita di ogni persona.. credo che servano il cuore e lo sguardo limpido innanzi tutto per riconoscere gli schemi e guardare al di là. tutto qui. grazie
  • Andrea Iaia il 01/06/2008 19:22
    Sembra più un grido di dolore dai tanti interrogativi e centri l'importanza ad un paio di occhiali, per vedere come poi? Per vedere quello che vuoi vedere non servono gli occhiali, ma un cuore puro e aperto. Interessante però.
  • giuliano paolini il 01/06/2008 14:17
    ottimo grido siete calorosamente invitati a farvi i fatti vostri miei cari impiccioni che per i miei son più che sufficiente condivido

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0