accedi   |   crea nuovo account

Dolore

È stato ieri
prima d’abbandonarmi
al respiro della notte
che ho pensato
di non tracciare più
inutili segni d’inchiostro
sul candore del foglio.

Ma come soldato
che diserta giusta causa
mi son sentito vigliacco
nell’abbandonare parole
che sono state come
acqua fresca pulita
nei miei occhi chiusi

Allora mi affido
alle parole più pure
al loro volere
al loro volare
e ciò che scrivo
è solo un infinito sogno.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • aleks nightmare il 27/08/2009 16:12
    Molto bella!!!
  • Annamaria Ribuk il 18/06/2008 20:25
    ... le parole fanno bene, lasciale volare... così ci fai sognare... Ann!
  • rossella bisceglia il 03/06/2008 23:10
    te l'ho "rubata": è nei miei preferiti...
    molto bella, ross
  • TIZIANA GAY il 03/06/2008 10:54
    che belle similitudini, a presto.. e grazie del tuo commento!
  • augusto villa il 02/06/2008 17:51
    Molto bella, complimenti davvero, Michelangelo, Intensa... con una chiusa esemplare!!
  • Marta Niero il 02/06/2008 01:54
    no, non potresti abbandonare le parole, fan parte di te... non puoi fermare il cuore... non puoi fermare il loro corso
    un forte abbraccio miche
  • Pablo X il 01/06/2008 23:55
    A me scrivere mi è servito ad elaborare un dolore, o forse a renderlo parte di me, così che adesso mi fa compagnia. Poi ho scoperto anch'io la forza della poesia e delle parole, e adesso associo automaticamente certi ricordi con i versi che ho partorito.
  • Cinzia Gargiulo il 01/06/2008 23:23
    Le tue parole sono troppo belle per non metterle più su un foglio e consentire a noi di leggerle... Affidati a loro e lascia che il sogno continui.
    Un :bacio:
  • nicoletta spina il 01/06/2008 22:42
    Continua invece a tracciare quei fili di sogno e a regalare e condividere emozioni con chi ha il tuo stesso sentire.
    Riflessiva, intensa e bella!
  • Giovanni Cuppari il 01/06/2008 21:50
    Son venuto a visitarti Michelangelo. Me l'avevo promesso e adesso l'ho fatto. Il tuo sentire è anche il mio. Stesse sensazioni, stessa tematica. Un bravo per la poesia. Un saluto da Gio'
  • Anonimo il 01/06/2008 20:58
    Ho provato parecchie volte questa sensazione...
    paura del marchio della mia penna...
    poi sconfitta e abbandonata al suo volere...
    cado sua prigione di libertà...
    libera di tracciare, senza più paure...
    fino alla prossima battaglia...
    Ciao e complimenti anche per questa
    Malinconico Michelangelo
    Angelica
  • giuliano paolini il 01/06/2008 14:45
    quando sara' il tempo tutto si fara' chiaro e anche le azioni seguiranno il corso del necessario e non più del superfluo per il momento goditi la condivisione del tuo e del lavoro di tanti come te buona ricerca

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0