PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La cena dell'addio

Alla cena dell’ addio
Abbiamo mangiato tutto ciò che rimaneva di quella carcassa d’uomo
Ingoiando grida di rabbia
E bevendo il sangue che le nostre lacrime piangevano
Sul solco della nostra fronte, madre, si è fermato il tempo
Abbiamo lasciato la mondezza sotto il tappeto
Come vuole un foglio che nasconde
L’inchiostro di una penna esplosa
Madre, abbiamo murato la pazienza di aspettare
Aspettando che arrivi domani
Il sole che una volta ci scaldava
Ora lo facciamo pesante e qui non si respira
Attendiamo madre
Di essere ingoiati.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Maria Lupo il 03/06/2008 00:35
    Bella nella sua immensa angoscia, a stento contenuta dal verso.
    Mi è piaciuta molto quell'immagine: "... un foglio che nasconde l'inchiostro di una penna esplosa".
  • giuliano paolini il 02/06/2008 09:49
    fuori e le ali e buon volo mio caro la miseria e' tale se gli diamo importanza

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0