accedi   |   crea nuovo account

Incubi in grotte di mare

Sei un incubo

un cubico macigno soffocante

sul mio petto afasico dolorante


le mani d’un essere morto

in lurida putrefazione vivente

imprigionato in oscure profondità


vuole avvertirmi strangolarmi svegliarmi

per liberare le stive della cambusa

dagli escrementi delle Vacche Sacre morenti


Un fiume luminoso scorre

nelle profonde viscere del Sole


Vicerè


per poter vivere

finalmente

insieme

l’unità

Amore




Nda Diario di bordo dell’ astronave Sognick 1…Dobbiamo raggiungere al più presto il pianeta nel bacino nebuloso del Teschio … siamo senza viveri.. senza acqua.. la nostra situazione a bordo è disperata… abbiamo già avuto la prima vittima… Il Capitano Fantax Diario Stellare il 31-5-2008

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anna G. Mormina il 03/06/2008 10:53
    ... spesso ciò che nella nostra realtà ci da fastidio, la ri-viviamo, sotto forma di incubo nei nostri sogni... può essere un modo per liberarcene!
    ps: O mio Capitano, vi sto mandando un vassoio colpo di bignè... spero siano di vostro gusto! :bacio:
  • Paola Reda il 02/06/2008 17:56
    Anche se molto spesso non capisco le tue poesie ( e te l'ho già detto ), devo riconoscere che hai un grande dono: una fervida, inesauribile fantasia unita ad una ricca capacità espressiva. Mi meraviglio di me stessa: comincio a comprendere meglio le tue poesie... oh mamma... che segno è???????????
  • Anonimo il 02/06/2008 12:21
    Questo è il tuo stile che preferistico. Ogni parola è comunque una suggestione. Con altre tue poesie vivo alla giornata, frase per frase, senza pretendere di penetrarne appieno il senso. Ci si arricchisce comunque. Ciao

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0