accedi   |   crea nuovo account

Uomo donna a Dina Roby

Ultimo pranzo

Per tre giorni

Non ne farò uno vero

Mi nutrirò di Ricordi e Sogni

Laura mi ha gioiosamente donato

Un cosciotto di tacchino arrosto


Al primo morso

Mi rivedo accanto al fuoco

Nella mia oscura grotta

Con un grosso polposo osso in mano


Il mio essere bestia è contento

L’angelo sorridendo chiude un occhio


Mentre lo divoro a morsi

Spalanco gli occhi della mia spelonca


Intorno a me i miei cuccioli sazi festosi

Giocano lottano calpestano

Un coccodrillo preistorico


Vicino a me la mia compagna

Mangia con la sua boccuccia dai denti aguzzi

Si lamenta

Vorrebbe una pelliccia nuova

Un borsetta in Vuitton

Che bestia d’animale è non lo so

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

40 commenti:

  • Staff PoesieRacconti il 05/06/2008 10:58
    ATTENZIONE! Lo spazio dedicato ai commenti deve essere usato ESCLUSIVAMENTE per questioni di interesse generali riguardanti l'opera! Discussioni personali non sono di interesse per gli utenti e vanno condotte per messaggi privati, se proprio fosse necessario. Abbiamo rimosso alcuni commenti sgradevoli e che riportavano addirittura dati personali.
    Vi invitiamo ad un maggior rispetto delle regole del sito. I commenti alle opere devono essere SOLO commenti alle opere.
  • Vincenzo Capitanucci il 04/06/2008 05:04
    Io ti amo Steve... ma quello che conoscevo è morto... vivi nel tuo odio per tutti... neanche i tuoi adorati cani riescono a salvarti... sei diventato di Merda... infrequentabile.. per il momento.. per il momento non perdiamo tempo l'uno con l'altro..
    v
  • Vincenzo Capitanucci il 03/06/2008 16:53
    mettiamo il nostro tulipano rosso... non reciso.. e speriamo che nessuno lo calpesti... volendo prendere il settebello...
    Grazie a tutti... per me la querelle finisce qui... sono disponibile su linee private..
    v
  • giuliano paolini il 03/06/2008 16:42
    niente male come casino grande capitano ogni tua mossa libera energie e voglie che tu sia il benedetto 18mo
  • dna blu il 03/06/2008 12:16
    ASCOLTAMI BENE STEFANO. I SENTIMENTI NON C'ENTRANO.
    IO NON Dò DEL VECCHIO AD UNA PERSONA, SEMMAI Dò DEL VECCHIO AL MIO STRACCIO DA CUCINA. LO RIPETO DARE UN GIUDIZIO O FARE UNA CRITICA BEN VENGA SE QUESTA CRITICA SIA COSTRUTTIVA, MA SE TI VAI A RILEGGERE IL PRIMO COMMENTO DI RINA VEDI CHE NON è COSTRUTTIVA MA BENSI' OFFENSIVA... CIAO
  • Anna G. Mormina il 03/06/2008 10:59
    Stefano, non sono d'accordo con te!
    rina, non ha detto solo "vecchio". tra l'altro proprio con l'intento di offendere, ma aggiunto dell'altro senza avere alcun rispetto... per nessuno!
  • Anna G. Mormina il 03/06/2008 10:46
    Quando si ama, non si augura ne si vuole il male di nessuno!
    Si ama teneramente e dolcemente...
    Vincenzo???
  • dna blu il 03/06/2008 10:19
    io sono d'accordo con te. Ognuno è libero di dire la sua
    ma attenzine francesco ad usare le parole
    un conto è dare una critica ad on 'opera un altro è dare del vecchio e del tossico ad una persona. Scusatemi ma io non ci sto
  • dna blu il 03/06/2008 00:00
    d'accordissima con te luigi.
    questa non è poesia, è ben altro
  • dna blu il 02/06/2008 23:40
    rina sei patetica
    oltre alla parola vechio vatti a cercare la parola tossico
    non usare la tua lingua solo per dire stronzate.
  • Vincenzo Capitanucci il 02/06/2008 20:42
    Caro Steve... prima di tutto non ho dedicato questa poesia a Rina perchè mi ha difeso... ma per altri motivi che ti sfuggono... non tutto succede sul Sito.. ci sono anche conoscenze e discorsi nella vita reale... che con Dina condivido..

    Secondo sei qui per commentare una poesia.. non per fatti personali..

    Terzo.. ti ho detto... che finchè non capirai che il giorno e la notte sono Uno..è inutile parlare... ormai sono 25 che ci frequentiamo.. in punteggiato.. ho detto frequentiamo e non conosciamo... chi può dire di conoscere se stesso..

    Ho mandato già da stamattina... la poesia... dove concludo mi ride il culo... per il momento mi è stata rifiutata per linguaggio scurrile...

    Se ci sono due tempi che non mi interessano più... uno è il passato e l'altro è il futuro.. e in questo presente cerco il mio equilibrio.. integrando tutte le dualità..

    La tua sincera critica è molto soggettiva... come ha spiegato Rina... quando parlo che mi ride il culo.. mi riferisco ad una gioia del corpo.. di questa luce che sta scendendo.. se poi l'ho usata contro di te.. mi dispiace.. ma sono ancora immaturo.. irresponsabile.. e birichino... ma ti assicuro.. che in ogni attimo progresso...

    Mi ricordo.. non so in che mese... che avevo fretta per pubblicare per dare e ricevere... certo mi piace avere elogi.. perchè no.. e il mio viaggio nel vento.. perchè cerco di leggere nel mio inconscio.. da li nasco tutte il giocare con le parole...

    Chiamalo ego.. io cerco il mio Re... ultimamente anche la mia Regina...è vero non m'importa dove mi porta.. in questa ricerca mi gioco la mia vita... per so che vado verso la verità del mio essere...

    Ho smesso di leggere libri... adesso leggo in me stesso... e leggerò sempre più chiaramente attimo dopo attimo... perche sono parole vive quelle che leggo..
    Come mai hai scelto questo.. per tentarmi a fare un gioco di parole...

    Spero che ci ripenseranno.. e pubblicheranno la poesia ricerca d'equilibrio..

    Critica accettata la tua e quella Rina... guarda il Vincenzo d'oggi.. non cristallizarmi nei tuo occhi... e in questo attimo Dina.. la sento più vicina che lo Stefano Mariano.. che non sapevo che neanche esistesse.. e adesso arrabbiati pure Steve..

    Namaste
    v
  • Paola Reda il 02/06/2008 18:05
    Eh no Giuliano... così non vale! Lanci il sasso e poi... lasci al secondo l'onere e l'onore di fare un commento. Non so dire se è più coinvolgente la prima parte (trascrizione molto godibile) o la seconda ( in cui c'è tanta, tanta verità.
  • giuliano paolini il 02/06/2008 13:28
    chi osa lasciar sguarnita una ode del capitano?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0