accedi   |   crea nuovo account

L'uomo.

Nasce un piccolo fiore,
ne nasce una altro, un po’ migliore,
passa un uomo e lo calpesta,
passa l’asfalto e neanche l’ombra resta!

Nuota un pesce nell’acqua chiara,
uno più grosso lo vede e lo mira,
arriva una nave, si rompe la chiglia;
nessuno vede più niente, neanche una conchiglia!

E chi vola ci vede bene,
e chi vola dall’alto non ha premure,
ed ecco il fumo bianco delle ciminiere,
che soffoca il cielo e tutte le sue creature!

E non basta
non basta niente,
300 anni per crescere,
una sega, due tavoli e tre panche!

E chi si meraviglia
e chi si domanda;
una volta la caviglia,
la prossima volta tutta la gamba!

Così si fa strada l’uomo migliore!
Cosi nasce dentro, il bisogno di chi muore
di sapere chi è stato,
se un fiore o se un prato
o se un altro uomo malato;
ad ucciderlo senza peccato.
"2005"

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • libera luce il 05/07/2009 16:29
    molto bella!!!
  • elia zebe il 02/08/2008 12:16
    Grazie Aldo, di cuore, davvero.
  • Vincenzo Capitanucci il 07/06/2008 01:34
    A favore dell'essere... dico che è gioia incommensurabile... a un tesoro che non rinunceresti mai... non so il non essere cosa potrebbe avere di più ...
  • Adamo Musella il 07/06/2008 01:17
    Quest'uomo è in noi tutti, siamo questo e forse altro ancora... pur sempre uomini. Bravo veramente Elia Ciao
  • Vincenzo Capitanucci il 06/06/2008 10:24
    Per fare un uomo ci vogliono 7000 anni... per farlo vero.. un istante d'Amore...

    v

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0