accedi   |   crea nuovo account

Spiegami perchè

specialmente se le genti d' inverno
con scudi e lance a mille e a cento
avessero ucciso il giglio e cacciato
il liso sentimento nella notte allora
avresti visto il mio viso morto
nascosto da testi, e' l tristo sguardo
chiuso nell' ombra gelato nell' ambra
non me chino inchinato all' uscio
com' all' altare a compatire il
tuo tessere, e' l filare oscuro
di trame errate ed erranti nel se
come rame per oro il mero giuoco
si compie nefando tra manti osceni
e' l fuoco fatuo alito di tanti sì
Arde lettere d'ebano dell'immoto poema
E m' inganno che vincono le tarde pupille...

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Rinaldo Pauselli il 09/06/2008 16:00
    che devo spiegare?
  • Anonimo il 09/06/2008 13:23
    Il poema l'ho trovato nella precedente. Per capire questa dovrei tornare a scuola, ma mi piacciono molto gli scudi e le lance, sono Artemide da sempre e amo l'odore dei gigli, fiori del mio universale giardino. Grazie per avermelo ricordato con questa tua bellissima. nel
  • Vincenzo Capitanucci il 09/06/2008 09:16
    Tarde pupille senza faville... hanno visto il mio viso morto... il rame e non l'oro...

    Complimenti Rinaldo... vai a Mille in mille e cento

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0