accedi   |   crea nuovo account

Al Liceo (Tramonto di quello che vedo, vidi e vivo)

Splendido e ampio tramonto
e/o incandescente alba.
Dopo oggi
niente sarà lo stesso.
Neanche oggi
è lo stesso
a pensarci...

Se poi non vuoi pensare,
vai pure a bere
la tua finta,
ingrata
"vita".
«Brindiamo, libiamo,
cin cin!!
Dimentichiamo, lecchiamo,
decadiamo insieme, radioattivi.
Cedete particelle,
farò finta (con sorrisi) che sian mie!!».

Sorgi con me ultimo sole,
conducimi ai cento all'ora
tra mura vecchie
di sudore e pensiero,
o testate...
Mi han dato giudizi,
mi han dato spazi,
mi hanno immaginato
grande
e mi ci han portato,
a calci e carezze.

(Attacca l'assolo...
cresci cresci cresci,
poi tronca
con un bianco silenzio)

Grazie amico
per quel che mi hai
regalato,
zitto e urlante,
come una sconcertante verità.
Grazie amico
del tricolore verde, giallo e viola,
speranza, trombe e malattia.
Grazie amico
per non esser crollato
di noia o metafisica,
di schemi o follie,
ragionamenti o manie,

12

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alberto Veronese il 20/04/2009 07:24
    splendida e incandescente. addio sacro guerriero. piaciuta. complimenti.
  • Vincenzo Capitanucci il 09/06/2008 18:07
    Splendido tramontoalba... in verdegialloviola... nel ritrovarci istantanea mente nella fondamentaIo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0