PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Notte ladra

Penetrante e' la notte
nell'ignoto
il mio corpo legato
e gia' tuo
sento l'essenza
fondersi di corpi.
Spazi di intimita'
aria di vento
massaggia
il mio dolce viso
attimi nascosti
in una notte ladra.
È buio
annullo
i miei sensi

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Donato Delfin8 il 23/05/2009 23:10
    piaciuta.
  • Adamo Musella il 01/07/2008 00:23
    Nascosti in quell'ombra pensiamo di essere lontani dal mondo... vera inutile considerazione. Brava Patrizia baci
  • Anonimo il 26/06/2008 06:00
    So di darne una errata interpretazione, lei avrà spero la bontà di perdonarmi. Ho inteso il suo corpo legato e gia tuo riferito alla Notte, che poi sarebbe ladra perchè si fonde con il corpo. Il vento lo vedo venire dalla finestra mentre lei è nel dormiveglia che stringe a se la notte. Mi è piaciuta molto, con questo taglio, mi lasci l'illusione che sia così! Lei termina sempre le sue poesie in modo magistrale...è buio annullo i miei sensi è l'abbandono del suo corpo alla notte ladra... giusto? Le auguro una buona giornata ed una notte generosa, se pur ladra. Suo gi&ak
  • Michelangelo Cervellera il 09/06/2008 21:05
    Sembra una violenta intimità o meglio un'intimità non pienamente condivisa, dove solo il vento sul tuo viso pare darti sollievo. Mi colpisce questa tua poesia, emana tristezza, il lasciarsi andare alla tristezza. Almeno questa è la mia impressione.
    Michelangelo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0