accedi   |   crea nuovo account

Il merlo

Fedele merlo che timidamente,
saltellando sul fresco prato vieni,
t'appressi a me scrutandomi curioso,
gaio compagno di giornate vuote;
frughi fra l'erba poi tutto d'un tratto
a posare ti vai sul grande abete
e fischi spensierato e soddisfatto.

Mentre assorto ti ascolto, mi domando
a chi diretta sia la melodia
se alla compagna che lontana ascolta
o se tu grato inneggi alla Natura
che un essere felice di te ha fatto
senza l'angustia di miserie umane,
dandoti ali per volare alto.

Libero sei, esprimi la fortuna
d'essere sciolto da lacci e catene,
padrone ognora di levare un canto
o spiccare il tuo volo, senza cura
di chiederti ogni giorno con affanno
cosa riservi l'incerto futuro,
pago d'essere al mondo qualche anno.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • yari firel il 28/09/2008 16:05
    Molto bella!
  • Michelangelo Cervellera il 13/06/2008 18:14
    Per fortuna loro non sono ancora schiavi del "benessere", vengono uccisi da chi violenta la natura, ma riescono ancora a fischiare felici. Bella.
    Michelangelo
  • Antonietta Di Costanzo il 11/06/2008 20:16
    La classe non è acqua,è fantastica questa poesia!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0