accedi   |   crea nuovo account

Diciannove novembre 2002

Ora sono solo e attendo quasi sereno
La buona o la cattiva sorte.
Son solo con i miei pensieri…
Un turbinio di ricordi di immagini
Le gioie, le tristezze, gli affetti, gli amori,
la moglie, i figli, Ario il mio amato nipote.

Scorro interminabili corridoi,
successione di piani, luci abbaglianti.
Ampie vetrate offrono visioni di vita,
Mentre il vociare delle barellanti
Mi giungono come suoni ritmati
In sincronismo cadenzato col mio cuore.

Siamo giunti nell’anticamera della vita.
Siamo giunti nell’anticamera della morte.
Anime verdi si avvicendano frusciando.
Suoni musicali senza melodie,
Luci psichedeliche nel buio impenetrabile.

Sensazione di spazi infiniti, profumi delicati,
Colori iridati, angeli in coro.
Tutto torna armonicamente nella mia mente.
Armonicamente riordino le preziosità,
fissando indelebilmente gl’ istanti di vita.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • terry Deleo il 14/06/2008 17:03
    Benvenuto in poesieracconti e complimenti per i tuoi versi. terry
  • Vincenzo Capitanucci il 14/06/2008 08:46
    Sublime.. armonia in verde.. mente nel verde della Natura.. al verde..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0