username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il suono d' ambra

Vorrei ricominciare la vita
ma non è così
il lampadario non è più quello
squilla il telefono
le persone parlano d' altro
c' è un' ora
in cui anche le nostre grandi conquiste
ci appaiono piccole
importanti ma piccole
e mio figlio mi dice
io non esco di qui.

Quando sei stanco
ma stanco davvero
uno straniero appena arrivato
giri intorno a vuoto
perchè nella mia stanzetta tu entri?,
vorresti che qualcuno
ti guardasse il tuo sonno
e proprio allora
da solo ti accorgi.

Quando in quell' ora
il passaggio tu trovi
quel sottofondo
che sempre hai sentito
quei mezzi di viaggio
che ti tolgono il fiato
della tua vita
ti senti in passaggio
io vorrei uscire
ma non esco da qui.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Salvatore Ferranti il 29/10/2009 12:16
    bella
  • laura cuppone il 13/06/2008 22:34
    l'ambra..
    affascinante..
    dicono tolga il mal di testa...
    il suo suono..
    vibrante nel tempo
    ma che ha paura d'esistere..
    o non vorrebbe aver bisogno di chiedersi se é questo che vuole vivere..
    sicuramente é personale
    la mia lettura..
    l'opera mi piace!
    ciao Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0