PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Da le stremi e larghe cosce

Da le stremi e larghe cosce
pel giacer in su la terra
si legano alla brina
gli umori delle membra
e al vivo lor fluire
ritornano l’acque
cedendo a quell’ardor
l’eco che mai tacque.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 15/06/2008 18:19
    Stupenda... un corrente risale il fiume pel tornar a la sorgente.. dagli estremi piedi risalgono a le bianche cosce... brina.. umori.. bagnano le menbra..

    in un vivo fluire de l'or Am or...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0