PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'angelo dormiente

Nella notte oscura per un attimo ti ho visto,

raccolto su te stesso, sul pavimento,

accanto a me dormivi senza respiro,

proseguivi il mio sogno che solo

la pioggia di un temporale estivo

aveva troncato.

Fra bianche falesie, corrose dal mare,

si alzava il canto delle onde fino

a raggiungere il cielo, imperlato di stelle.

E come una lama di luce rischiaravi a me

il cammino, i tuoi biondi boccoli splendenti,

le ali aperte a protegger la mia via,

fratello mio che da tanto mi accompagni.

Incredulo ti guardavo mentre mi facevi

cenno di seguirti lungo una galattica strada

di astri lucenti.

Ma uno scroscio di pioggia mi ha svegliato

e mai potrà sapere la meta di quel viaggio

iniziato un giorno di maggio di cinquantotto anni fa.

Al risveglio ho pensato che fosse solo un sogno,

ma nella penombra, accanto a me,

una bianca piuma mi guardava.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 10/09/2010 18:33
    ho appena finito di commentare l'angelo della notte, poi clicco di nuovo "poesia a caso" ed eccoti l'angelo dormiente... l'angelo che si è smaronato mai?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0