PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Soave fantasia

Reconditi anfratti dell'inconscio
M'assale e vince il fanciullo
ch'io ero
e ritorno in quell'età che arricchisce
di cera vergine le scoperte

Personalità in embrione
la memoria, sovrana
irrompe e devasta
S'affaccia la radice di ciò che siamo
piegati soltanto alle ragioni della vita

Ricordi di com'eravamo
Come spighe secche
la terra mancata
Adulti in un tempo che tutto divora
ad ascoltare il passo felpato della morte

Lacrime pietrificate
la nostalgia, il rimpianto
la malinconia, il dolore
e vuoto è il cuore
in attesa di una ragione

Ininterrotto è il filo dei giorni
Muti suoni colmati dall'esperienza
Sofferenze diverse
Momenti evocati dalla maniglia che gira
nel canto sommesso d'una carezza

Anni disperati e perversi quegli altri
Poco e troppo tempo è passato
da quella notte incantata
e i misteri dell'animo umano
mi riportano sovente a quella soave fantasia

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Floriano Crescitelli il 22/09/2009 16:32
    Bella e personale
  • Anonimo il 31/08/2009 18:13
    son rimasto incantato dalla tua poesia... 5 stelle!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0