username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Incontrandoci in un porto di Pescatori 262 ai Dentici

Guardandoci attraverso questo specchio

invisibile infranto


Siamo identici nei nostri profondi occhi


Non sappiamo più Gioia Mia

Se ridere piangenti

O

piangere ridenti


Iridi sublimi incendiano

Gemme di Summa Gloria!!!!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 24/09/2010 20:06
    Bello rileggere questa che non ha perso il suo smalto, anzi, entra nell'albo dell'eterno rivivere la gioia di esserci già stati nel persempre.
    Un saluto nell'ovunque, in volo
    A-Z
  • Anonimo il 24/09/2010 18:51
    Mah, che dire? Lodevole l'intento, un po' meno la realizzazione. C'è qualcosa di artificioso, di costruito in questi tuoi versi. Sicché alla fine il componimento è, così a me appare, una sorta di narcisismo verbale. Preferisco la spontaneità nella poesia. Sorry.
  • Anonimo il 30/09/2008 14:56
    Ci siamo incontrati in un porto di Rotter dam mi.
    Chi l'avrebbe mai sperato il 20/6/2008.
    Eppure è avvenuto.
    Magici i passi senza piangere e senza ridere, godendoci ogni minuto, semplice mente.
    nel
  • lupoalato maria cannavacciuolo il 20/06/2008 19:14
    sai queste tue poesie di oggi sono così sublimi che m'impressionano in modo posivito

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0