PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Addio amore mio

Conficca la tua ossuta mano nel mio petto
È tempo di fare festa
Forza andiamo dove il sole non tramonta mai
Lascia che io sia lì accanto a te
Ti terrò testa, anche se sarai la mia rovina
Fa troppo caldo
Dammi una mano
Sto cadendo
Fai che sia indolore
Mi guardo attorno
Dove sei?
Stringi il mio cuore con le tue fredde dita
Risucchia
Strappa via la carne
Lascia le mie ossa a marcire al sole
Non ho più occhi per vedere
Hanno saziato il tuo appetito
Barcollo
È questo il mio calvario
Lo devo accettare.
Mi vedi sanguinare
Versa sale sulle mie ferite
Fammi urlare perché ho ancora fiato da donare
Dammi un ultimo bacio
Strappa via il mio ultimo fiato
Rantolo
Ricoperto di sangue
La mia scia mi segue
Prenditi un ultimo ricordo
Solo allora saprò che ti ho dato tutto
Scavo la mia tomba
Lasciando unghie come fiori che adornino il mio sepolcro
Avvolgi il mio corpo
In un nero drappo
Fatto di parole e promesse
Intonando il tuo ultimo canto
Dammi il tuo addio
Che sia il più doloroso possibile
Perché è tempo di dormire
Non svegliarmi
Nelle tue preghiere dimentica il mio nome
Perché era uno tra i tanti.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Anonimo il 04/01/2011 22:49
    bella l'idea del provare piacere nel provare dolore... effettivamente amare è soffrire e gioire della propria sofferenza. bravo
  • Maria Angelino il 04/05/2010 22:56
    Davvero meravigliosa.. esprime benissimo ciò che si prova in un momento del genere, il dolore, la rabbia anche.. Ed in un certo senso la stanchezza, il non avere più voglia di una simile lotta.
    Stupenda.
  • Giada.. il 30/04/2009 13:41
    che brividi
  • Alberto Veronese il 07/07/2008 09:08
    l'amore teme più il mutamento che la distruzione.
  • Pablo X il 27/06/2008 18:01
    Ottima poesia, macabra ma bella
  • Roberta Berardi il 26/06/2008 14:43
    d'accordo con gli altri... dolorosa.
    Ma bella.
  • Paola Reda il 22/06/2008 07:47
    Amare fino alla consapevolezza di annientarsi, donare tutto pur sapendo che non ci sarà un dolce riscontro. Spesso è questo il prezzo dell'amore, di quello vero, totale, che tutto da e nulla pretende. Bellissima, straziante poesia!
  • Elena C. il 21/06/2008 20:45
    Mi ritrovo a dover dire ciò che qualcuno ha detto a me... parli dei miei pensieri, scrivi ciò che io desidero.
    Preferisco ancora il dolore all'assenza, ma vorrei sentirmi dire che non esisto più.. salto da un desiderio di dolore ad uno di distruzione e non mi dò pace.
    Ciò che hai scritto è così sanguignamente reale.. davvero bella.
  • Luca Moneti il 21/06/2008 19:22
    Non si riesce ad odiare cioè che un tempo si è amato con tutto se stesso. con il corpo e con l'anima, perche odiare vorrebbe dire negare tutto quell'amore, e per chi è in grado di amare cosi tanto questo sarebbe ancora piu doloroso, sarebbe la negazione di un grande cuore.
  • laura cuppone il 21/06/2008 12:19
    .. prenditi un ultimo ricordo
    solo allora saprò che ti ho dato tutto...

    il dolore
    dell'annullamento
    é preferibile a quello
    della presenza assenza..
    vorresti tanto
    che il tuo amore
    ti distruggesse, vero?
    tu non ce la faresti mai,
    poiché ciò che ora ti strappa il cuore
    dal petto
    te ne fece dono
    una volta...
    si riprende solo... se stesso...

    dolorosa luca, intensamente...
    ciao Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0