username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Di notte

Abbiamo contato le stelle
quella notte,

ci siamo inzuppati gli occhi
di notte e comete :
stridevano nel cielo
come gessetti su lavagne

a anche tu
come me
ti sei tappato le orecchie
per paura di dimenticarne
il suono siderale

E abbiamo contato i nostri passi
lungo il profilo lieve della collina
che baciava quel lembo di blu

e sul fango delle nostre lacrime
scivolavamo ancora più giù
sul crinale, tremolante
di un sogno

Finiremo ancora una volta
accovacciati nel silenzio
di un’alba sfacciata

che dimentica troppo presto
il sacrificio d’astri e pianeti

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Emanuela Corciulo il 19/11/2008 17:18
    belle parole...!
  • nicoletta spina il 21/06/2008 23:38
    Intimo paesaggio notturno di magia e bellezza...
    malinconica e sognante. Molto bella.
  • laura cuppone il 21/06/2008 11:49
    bellissima e struggente..
    due stelle piangenti..
    5!!!
    laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0