accedi   |   crea nuovo account

Gemma

Solo il ricordo
focoso e fremente
di te sorgente
d’estasi divina
e dei tuoi occhi
chiusi come scrigni
su gemme che più belle
Il mondo ignora.

Stelle perenni
che mai cielo vide
qual vento che dispensa la sua luce
e a tratti il luccichio
l’homo l’acceca.

Serbo nel cuore indegno
dei tesori
in te racchiusi
in seno alla tua alma
pur così dolce e candida compagna
s’interroga la mente col sorriso.

Se gioia presto t’assale
alle tenere gote
e lieve un rossore
dal lungi in viso traspare
e subito fa fremere d’avere
la bramosia del tocco de l’amato

e sai che se ti sfioro quelle gote
più forte e grando amore non esiste
che sia mai stato o poi, nel cielo intero.

 

2
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 21/05/2014 02:15
    molto apprezzata... complimenti.

4 commenti:

  • Sashka Gjorgjieva il 16/02/2009 23:20
    bellissima!!
  • giuliano paolini il 22/06/2008 10:00
    uno dei massimi visitatori del sito onore e tulipani rossi non recisi
  • Vincenzo Capitanucci il 22/06/2008 03:00
    Stupenda... sette gemme nel Seno de la tu alma... gioia rossore.. delle gote... nessuno ti ha mai amato così... Gemma...
  • Anonimo il 21/06/2008 23:51
    Bellissima, davvero i miei complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0