PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Estate

L’orizzonte trema
E la mano del sole preme a soffocarti
Come un giudizio che brucia.
Ti parlano i grilli
e il via vai degli insetti ti affatica quasi.
Alzo la testa per respirare di più
Chiudo gli occhi accecato dalla troppa luce
E mi ritornano immagini di quando entravo in casa, con spesse mura,
A trovare refrigerio,
A bere l’acqua fresca del pozzo
E sempre qualcuno a fare qualcosa
E correre di qua e di la per fermarsi ad aspettare
Che il padre chino si alzi a fare un saluto.
Ora capisco e torno a mischiare il sole con la terra
Aspettando che le rondini salutino la sera.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • mario mennella il 25/06/2008 22:15
    aria di nostalgia... grazie per l'emozione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0