username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Io Vengo!

In mezzo le mie gambe
Rasoio scende tra  i pelli
a volte apre
il santuario della vita.
Inizia sotto la ventre mia,
Il primo raggio
del cerchio del desiderio.
a volte fuori esce
la mia tenerezza.

In mezzo le mie gambe,
Miriadi di colpi ad adularmi,
Causano mille scintille.
Colore rosa diventa la mia pelle.
Brillo le ombre,
a volte nel occhio mio,
Coetaneo paradiso e inferno.

Risparmiami la tua cura.
La magia della erba,
Legato alla mia gamba.
La tua lama apre,
un taglio ormai eccitante.
Il mio passo è fatto
a volte verso immortale.
Come madre terra
sono sempre accessa dientro.
Io sto bene
tu non sai nemenno come.
La solo cura mia
È sotto tiro della mia mano
In mezzo le mie gambe

Fermi!
Rasoi, ombre, dolore
Potere, morale e mente,
solitudine e follia
Ogni caso
Io sto per venire.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • lupoalato maria cannavacciuolo il 13/07/2008 00:04
    bè sai mi ha lasciato perplessa ma forse era questa l'espressione della tua poesia
  • Raju Kp il 25/06/2008 11:10
    Ciao Sofia, non e' errore... questa poesia io scritto ma esce fuori dalla mente di una donna

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0