PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

TU

Una corsa sfrenata verso il nulla
annegando in queste acque putride
guastate da cadaveri di mille battaglie.
Delle urla straziate dall'orrore e dalla paura
escono come un vortice di mille emozioni dalla mia bocca.
Dai miei occhi escono tempestose le lacrime,
quasi mi accecano,
improvvisamente assumono il colore nero che sa di morte.
TU che hai saputo ingannare
TU che hai frantumato un vetro opaco che proteggeva il mio essere.
TU che con le tue parole di rabbia e ruggine sei riuscito a ferirmi e a farmi crollare tra le tue braccia e a legarmi a te come una sirena è legata al suo mare...
TU che mi hai portato alla devastazione del mio corpo... ti amo

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • elena rodella il 26/06/2008 12:26
    grazie a tutti per i commenti scriverò altre poesie... vi adorooo!!!
  • andrea forgione il 26/06/2008 09:21
    Brava la vita è così: una corsa sfrenata verso il nulla, un urlo privo di una bocca. blacksir
  • michela zanarella il 25/06/2008 17:32
    nella devastazione, la forza dell'amore copre quel nero che sa di morte portando in vita la luce.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0