PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Picasso

La luna nello spazio indeterminato
ci sembra così vicina di notte.
La breccia di suoni di silenzio ha costellato
i tumefatti lamenti della penombra!
Il mio e il tuo sguardo si fondono
come scrosci d'estuari,
come masse di sangue scorrono,
indivisibili, compatte, secolari.
L'incantevole serata si confonde
con la notte "irrisolvibile" dei tempi,
rimescola, vitali, i flussi delle marine onde,
voci dei nostri ammaliati sguardi.
Un intreccio di bocche, d'abbronzati visi,
di setacciate membra di leopardi maculati
dipinge il foglio della vita e noi estasiati!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Elena il 17/02/2006 23:54
    Incredibilmente densa... con uno spiraglio di luna.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0