PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

PIOMBO

I sonagli
Annunciarono
Come araldi impettiti
L’arrivo del serpente,
Strisciante, argenteo,
Con l’odore della terra
In bocca
E le spire
Fiduciose trappole…
Soffiò
Sulle candele
Sfoderando il sorriso calzante,
Biforcando congratulazioni
E ringraziamenti…
La testa si schiacciò poi
Al taglio della torta…
Aprendo il cofanetto di piombo,
Decretò la fine della festa…

Chi pensò a una borsetta,
Chi provò pena,
Mi pare fosse il coniglio,
Che timido e sincero,
Col pelo lucido e le orecchie tese,
S ’avvicinò all’ombra
Senz’ombra
E venne inghiottito
In un'unica parola…

Le tracce cancellarono se stesse
Nel timore che le scaglie scolorissero…
Vi fu il silenzio
Smanioso e febbrile,
Tagliente e spigoloso,
Lungo …
Assoluto …

Inavvertitamente
Al quinto rintocco di stagioni,
Il vetro brillò nell’occhio ancora acceso,
Il mare rovesciò generoso l’orizzonte,
I sonagli si sparsero per la stanza…

Il piombo fuse il chiuso
E rettile mutò pelle,
Perdendola
Definitivamente…

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Alessandro Cancian il 05/07/2008 08:52
    scrivi d'altri tempi... complimenti!
  • augusto villa il 04/07/2008 23:40
    Molto ben scritta... ricevo però sensazioni inquietanti...
    Piaciuta!...
  • Dolce Sorriso il 04/07/2008 22:54
    ciao fatina,
    l'ho letta e riletta, non ci sono dubbi,
    è bellissima.
    un abbraccio forteeeee,
  • laura cuppone il 04/07/2008 18:57
    janco, come ho scritto ad Angelica,
    questa é una rivisitazione
    di un ricordo...
    episodio..
    tassello..
    ...
    grazie dolce amico!!!
    laura
  • laura cuppone il 04/07/2008 18:56
    Ange...
    ricordi si sovrappongono quando sono recenti..
    ma se sono vecchi...
    nel tempo alcune cose divengono nitide
    e più freddamente distaccate..
    altre risorgono dalle ceneri ma non bruciano più..
    fanno solo da filo conduttore...
    a volte si dice
    che si é compreso il perchè, la ragione...
    non é del tutto vero..
    alcune cose hanno bisogno di tempo per essere metabolizzate..
    e magari rivissute..
    nelle parole
    di un dleirio...

    grazie amica e sorella
    per sempre
    dell'anima.

    laura
  • Anonimo il 03/07/2008 18:47
    Un inizio per una favola surreale.. carica di mistero..
    queste immagini fantastiche, mi hanno trasportato in un mondo particolare...
    anche se so che dietro c'è molto altro..
    particolare...
    Ciao Laura
    Angelica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0