accedi   |   crea nuovo account

le montagne dai mille volti

Mi dicevo, guardando le montagne
dai mille volti,
che mai avrei dimenticato
le nubi abbracciate alle strade
e l'abbaiare dei boschi.
Il fresco smalto delle sere,
il dominio delle minuscole contrade
l'accoppiarsi delle vipere,
erano l'incanto ed il pianto
delle mie vecchie estati.
Ho amato le aquile
ed il profumo di terra rimossa,
il sole in marcia tra i pini
il tranello dei burroni.
Mi sentivo nel cuore
la dolcezza della polvere
ed il vocio dei lupi
dagli occhi di velluto.
E cosi fu, io rimasi
in quelle sacre lenzuola
di vento e ciclamini
a specchiarmi nel ricordo
di quel cielo.

 

2
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Adamo Musella il 06/07/2008 02:43
    La tua una descrizione di un momento felice, un ricordo che vola leggero fino a quei monti; quei volti ormai scolpiti in noi per tutta una vita. Molto brava e colta Michela baci

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0