accedi   |   crea nuovo account

diventa amore

Tu sei Pietro e su questa pietra
edificherò la mia chiesa
(Mt 16, 18)

La fede in Gesù trasforma la vita
di coloro che si lasciano amare
dal Signore crocifisso e risorto,
che perdona i peccati e dà il suo Spirito.

È il travaglio dell’anima,
consegnarsi all’amore che si dona,
sorprendente effetto trasformante,
dopo aver toccato il fondo della debolezza.

La gratuità dell’incontro sulla riva
del lago di Genesaret; il tracollo
delle speranze riposte nella legge
sul duro selciato verso Damasco.

Perché Pietro vegli nella notte dell’anima
per una pesca senza presa?
Perché o Paolo, rincorri quel nome
per gettarlo nell’oblio della storia?

E Pietro si scopre pescatore… pescato,
Paolo, cieco per l’improvviso abbaglio:
impotenti a proseguire oltre
nella notte della vita senza senso.

L’incontro con Cristo vivo illumina
l’anima prostrata per le attese
confuse e contraddittorie e tutto
finalmente incomincia ora, con Lui.

“Ho trovato il Messia”, annuncia
il discepolo a Simone di Giovanni;
e questi incomincia a diventare Pietra,
Roccia e garante della fede, fino ad oggi.

Una parola risuona, pronunciata
dal cuore che ha sempre le sue ragioni:
“Tu sei il Vivente”, proclama il pescatore,
il Cristo di Dio, ieri, oggi e sempre.

Chi sei tu, Signore che ti senti perseguitato?
Sono Gesù, risponde, il Testimone fedele,
il Primogenito dei morti che risorgono
e il Principe dei re della terra.

Come non amarti, o Signore,
dopo aver conosciuto la tua pietà?
come non incatenare la mia vita
alla tua che sale verso le vette dell’amore?

La fede diventa amore per l’eternità,
il perdono si trasforma in gratitudine,
l’abbandono in comunione con te,
il Regno diventa il solum necessarium.

Pben 29, vi, 2008

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Fabio Mancini il 03/09/2008 12:49
    Ancor oggi l'uomo si chiede chi è il Cristo. Veramente un artigiano, nello specifico un falegname, ha redento l'uomo? Nella migliore della interpretazioni, Gesù viene considerato un povero cristo, crocifisso per la sete di potere di alcuni. Credere nella resurrezione di Gesù è qualcosa che supera il potere della razionalità e sconfina nel mistero della fede di cui il Padre è l'indiscusso donatore. La venuta di Cristo ha rivoluzionato, invertito, scombussolato valori e costumi, mentalità e comportamenti, ma di tutto ciò l'uomo contemporaneo non sembra ancora essersene reso conto. A questo punto possiamo fare affidamento solo su chi sappiamo... Un caro saluto, Fabio Mancini
  • Vincenzo Capitanucci il 04/07/2008 09:38
    Sublime... l'abbandono in Te... rinasce in Me... in Regno... dal doppio Unico.. Sole... diventando Cosmico Amore...
  • laura cuppone il 03/07/2008 19:19
    ...
    il mio pane...
    la mia acqua...
    il Regno..
    ecco..

    la mia mano
    sempre aperta..
    il mio cuore
    sempre attento e mai pago d'amore..
    il mio spirito
    fiammeggiante
    d'amore per Lui..
    il perdono é gratitudine
    la fede Amore..

    ... la pietra..
    sostegno...
    la cecità..
    illuminazione...

    che belle le tue parole...
    la tua poesia riempie e riscalda..
    perché la verità sfama..
    e nulla é mai
    perduto
    davvero...
    ...
    il dono di sè..
    meravigliosa opportunità...
    con umiltà..
    accolgo la Sua Volontà..
    il Disegno..
    La Salvezza...

    grazie...
    ma le riflessioni sono molteplici e vastissime...
    solo Uno È l'Uno...
    e noi siamo in Lui!!!!

    un abbraccio fraterno.
    un sorriso degli occhi..
    con affetto
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0