PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Solo

Tra me e il primo dei simili
Gorgheggiano abissi incolmabili.
Ogni ponte divelto
uno sbaglio,
ogni sguardo gridato
urlo fiacco.

Terra sbriciolata senza pianure
orbite fonde ossi sporgenti
vengo spinto da sete inutile contro vento.
Dalle creste di labbra fossili
risalgo a specchi dolci
incoronate sorgenti
di palme cigliate.

Percorrere i solchi di un viso
Cercando un segreto
Che forse non nasconde.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 06/10/2016 05:34
    apprezzata... complimenti.

5 commenti:

  • Anonimo il 18/02/2009 14:53
    Molto bella
  • laura cuppone il 04/07/2008 19:36
    ... dunque...
    la ricerca delle proprie origini..
    o..
    la scoperta di queste...
    ...
    interessante..
    molto intensa..
    ben scritta..

    ciao Laura
  • Michele Storti il 04/07/2008 11:43
    Lusingatissimo dei suoi pareri!
    Thanks
  • Vincenzo Capitanucci il 04/07/2008 11:41
    Nel Solco di un viso Sorriso... tutto traspare.. in trasparente Amore... wow che abisso!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0