PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tutte le morti alla mia vita

Dal mio primo cucciolo Laika
all'amico suicidato
alla prima che ho avuto tra le mani
a chi solo ci ha provato
Da quelle che ho salutato aspettando
a quelle che non ho potuto

Tutte quelle in cui mi son morto
a quelle che ho morto io

Chi ho amato alle false speranze
ai maghi salvifici morti e a quelli non ancora

A mio padre ancora vivo ed a un albero spezzato
che non avrei voluto

A quelle che ho comprato e a chi me ne ha date gratis

Tutte quelle che non me ne cale
perchè in fondo una volta ed io centomila

che non avrei voluto

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

29 commenti:

  • augusto villa il 28/09/2013 00:29
    E molto bella... e per di più... ha le carte in regola per essere una bella canzone...
    ------------------------------------
  • Virginio Giovagnoli il 09/06/2011 20:41
    Le poesie introspettive lasciano spazio ad interpetrazioni.
    Per scriverle bisogna introdursi nei meandri dell'animo e saperlo fare.
    Bravo. A rileggerti.
  • laura marchetti il 05/01/2011 08:45
    bella... sono senza parole
  • Dino Borcas il 30/08/2010 08:27
    Tutto accade per la prima volta
    ma in un modo eterno
    (Borges)
  • Donato Delfin8 il 24/08/2010 00:14
    mi sa che ti regalerò il mio libro per cucinare le patate
    ne hai verò o le devi comprare... 'tento a non farle morire però

    ah bè scusa l'ironia.. mi faccio una grattatina di pepe zi zi
  • Vincenzo Capitanucci il 01/03/2010 09:51
    In tutte le morti... una parte di me...è morta...

    Molto bella Maurizio... Maledico le mie mani... ho perso un pugno di Stelle... non avrei voluto perderle... avrei voluto seminarle... in un Cielo nuovo...
  • karen tognini il 01/03/2010 09:16
    Bellissima.. complimenti...
  • Sarah K. il 01/12/2009 17:53
    Bella bella!!!
  • Jurjevic Marina il 26/11/2009 18:05
    Hahaha, tranquillo.. Non devi ringraziarmi, ho detto quello che penso.
    Un bacio
  • Maurizio Gagliotti il 25/11/2009 17:03
    Scusa, MATILDA, BEL NOME
  • Maurizio Gagliotti il 25/11/2009 17:03
    Scusa... MATILDA, bel nome!!!!
  • Maurizio Gagliotti il 25/11/2009 17:02
    grazie Matilde
  • Jurjevic Marina il 25/11/2009 14:43
    A me è piaciuta tanto.. la poesia viene interpretata da ogn'uno di noi in modo diverso. Chi riesce a farmi coinvolgere, per me è un poeta. Cinque stelline
  • Rocco Burtone il 12/07/2009 13:47
    Molta intensità poetica. Sono colpito.
  • Riccardo Brumana il 19/02/2009 23:57
    alcune frasi mi sembrano poco scorrevoli se non mal formulate ma nell'insieme è una buona composizione, ricca d' esperienza di vita.
  • Cinzia Gargiulo il 02/02/2009 08:22
    Un modo particolare di parlare della morte.
    Un abbraccio...
  • alberto tosciri il 01/02/2009 15:29
    Non sono un letterato, ma apprezzo i discorsi degli uomini che trattano della vita e della morte e della struggente nostalgia per una vita vissuta, che forse poteva esere diversa, chissà, se solo avessimo voluto o potuto.
    Bisogna avere coraggio anche per parlare di sorella Morte (tu che apprezzi i mistici, capisci a chi mi riferisco). È un argomento che molto spesso tratto anchio nei miei tentativi di piccoli racconti, in quanto la prosa mi è più congeniale.
    E poi, un grande filosofo, Michel de Montaigne nei suoi Saggi scrisse "Chi insegnerà agli uomini a morire, insegnerà loro a vivere."
    A mio modesto parere ritengo che sia vero e tu, con questa tua poesia, secondo me, in certi passaggi, apri squarci di orizzonti di vita e sentori di un infinito prossimo venturo.
  • Maurizio Gagliotti il 31/01/2009 16:34
    Mucho obrigado Dolce sorriso.
  • Dolce Sorriso il 31/01/2009 16:19
    wow wow evvai
    bravo
  • Anonimo il 31/01/2009 13:43
    Splendida, a mio avviso.
    Vera Poesia.
    Ch
  • Ugo Mastrogiovanni il 31/01/2009 11:11
    Se riflettiamo, chi scrive della morte, o ne ha una terribile paura o un grande rispetto; io credo che Maurizio Gagliotti, con questi suoi versi tormentati e tortuosi, volutamente sgrammaticati o tali a causa dell’emozione messa dall’argomento, sembra palesare le sue infinite incertezze, quelle che poi ci rendono capaci di accogliere e di amare con dignità vita e morte.
  • Anonimo il 31/01/2009 10:29
    Piaciuta molto.
  • augusto villa il 08/11/2008 00:45
    Sembra un testo di Tricarico... uno dei miei preferiti!... Bravissimo!... Ciao!!!
  • Vinter_ il 17/08/2008 00:13
    Mi è piaciuta davvero, davvero molto. Continua così
  • Maria Lupo il 16/08/2008 23:54
    Mi piace molto, proprio per questo linguaggio... sperimentale, e anche per il significato
  • Egon il 16/08/2008 19:53
    io la trovo molto bella
  • Maurizio Gagliotti il 09/08/2008 01:52
    e vabbè...
  • aieie brazov il 06/07/2008 17:26
    sento una certa leggerezza nell'affrontare un tema di tutt'altra natura... la rende ancor più bella
  • laura cuppone il 06/07/2008 14:46
    Belissima...
    struttura
    tema
    titolo
    immagini
    emozioni...
    ...
    piaciutissima!!!!!

    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0