accedi   |   crea nuovo account

Effimera

02 Luglio 2008


... è lento, il trascorrere del tempo
come il tuo fiato sul mio petto
quando il desiderio ci rincorre
perchè noi siamo già oltre


ti bacio
mi graffi,

ti stringo mi mordi,


plasmiano le nostre anime
prima ancora delle carni.

Si fondono,
volano
e dall'alto
ci guardano,
siamo soli
angelo mio.

Ti sento
anima mia,
che incredula
ti liberi
e affianchi
l'anima sua.


Son ciliege i suoi baci,

uno tira l'altro

ma tutti son fugaci.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Adamo Musella il 05/04/2010 13:27
    La poesia è tra quelle che amo spesso chiamare ruscello di parole che non si smette mai di guardare lungo il suo percorso; le tue parole sono piene di freschezza e giungono a valle con estremo piacere. bravo Luca. ciao
  • Vincenzo Capitanucci il 09/07/2008 03:34
    Troppo lento il tempo... il fiato sul mio petto quasi si congela... in cristalli di trasparente ghiaccio... mentre lottiamo increduli.. Angelo mio.. ci guardiamo.. mentre le nostre anime si affiancano... libere... nel dono-volo dell'amore... fra baci di rosse ciliege... uno dopo l'altro... in un fuga.. rincorsa.. sempre in un movimento... verso il nostro immenso Essere Amore... Intimo ed Universale...

    Augurandovi di Tutto Cuore... l'Universo in dono... nelle Vostre Emozioni..
  • Luca Nocentini il 08/07/2008 23:31
    Che dire, un grazie a tutti, sono banale ma dire di più sminuirebbe i vostri commenti, un grazie ad Oceano che nonostante sia (io) spesso assente(dal sito) ritrovo sempre tra le mie "scritture", un grazie a bohemien, verrò presto a leggerti e anche se purtroppo non conosco molto, anzi, forse è più sincero dire niente di Nazim Hikmet, ti prometto che mi cercherò qualcosa per poterlo conoscere meglio..
    Per il signor la Motta, poi in privato mi spiegherà il perchè del suo nome d'accordo?
    Ed infine per la mia Charlotte... beh, se mi permettete tiro le tendine e la ringrazio in privato...
  • Anonimo il 07/07/2008 15:47
    Magistralmente reso il senso dell'effimero... bella poesia con diversi tocchi di originalità;
    essere originali è sempre un buon segno!! Buona giornata. gi&ak
  • bohemien empatico il 07/07/2008 11:47
    sei molto bravo Luca complimenti. non lo dico facilmente.
    Mi ricordi qui Nazim Hikmet, e questo ricordo è per me dolcissimo, grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0