PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'angelo del male

Gambe lunghe e sinuose, a slanciare

un corpo minuto, ma aggraziato;

sotto la maglietta, appena abbozzati, i seni;

un visino regolare, con incastonati due

intriganti occhi nocciola in sintonia con

i sottili capelli castani,

ravvivati da una ciocca bionda.

La bocca: un'esile fessura, pronta

ad aprirsi rivelando i bianchi denti

nel corso di una risata argentina.

Il corpo di una femmina come tante,

con il segno degli anni che cominciano

ad avanzare; la sensualità di una gitana,

il cervello di una donna con esperienze

inutili di una vita altrettanto inutile;

l'animo corroso da un malessere

contagioso ed inquieto.

Era un angelo precipitato dal cielo,

risalito dagli inferi a corrompere il mondo;

sotto le sembianze di essere inerme

e indifeso celava l'infamia dell'amoralità.

Così la ricordo in una memoria nitida,

senza più rimpianti, senza più dolore,

perché altri non era che l'angelo del male.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0