accedi   |   crea nuovo account

era pasca

Quanno ca si fa scuro ‘ndo reparto
e voce e rummore so jute arrepusà
sputo chella pasticca me soso e parto
pe famme nu viaggio rinda nurmalità.

È tiempo assaie ca song’ renchiusa
accussì assaie can nun m’arricord  cchiù
l’addore de li fiori…nna cascata
o comme sa fanno i gnuocche cco’ rragù.

Accussì facce finta pe’ nu matino
ca so turnata a Napole a casa mia
quanno ca stirav ‘ o mantesino
rosa a quadrucce de figlieme  Lucia.

A ‘mpustarella cu le vrucculill
ca praparave pe’ Ciruzzo mie….
a cchille tiempe nuie staveme stritti
ca suord  contate o ssa sulo Ddie.

“Carme’, ce scappa stu mese d’accattallo
l’ovo 'e Pasca p’a peccerella nuostra
chillo funnente ca pulicino giallo
ca  cummare Adele a misso ‘n bella mostra”.

Comme ‘na ‘uerra stabbelita a tavulino
me suong’ ’nventate a freva cche dolure
pe’ nun magna’ e sparagna’ nu tantino
na semmana d’a dijuno ca languore.

Accussi ave a sustene’ a quistione
quanno ca Ciro ricette:”A piccerella
a puorto cu mme rindo mmercato ddo rione
e te te fa’ quacche ara pezzerella!”

Comme se po’ senti’ ‘na povera mamma
cu na preta missa arindo o core
pe fa o buono è succiess’o dramma..
lloro song’asciti sulo dda duie ore.

“Carme’ ‘sta cuieta nun te ‘mpressiona’
ha dda fa ampressa fui all’ospitale….”
“Ma ca me ricete me sta’ zunzulià…
Lucia sta bbuona.. e mo sagli’e scale”.

“Comme po’ esse’ nun è overo niente
essa sta a o mercato a accattasse l’ovo
‘nzieme a Ciro.. ricelo a chella gente
nun po’ sta’ stesa sotto a chillo lenzulo”!

12

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sabrina balbinetti il 06/10/2008 21:06
    debbo dire che la versione napoletana nulla toglie al'originale in dialetto romanesco... e poi i complimenti fatti da un napoletano verace fanno sempre piacere, grazie giuseppe
    sabry
  • Giuseppe ABBAMONTE il 06/10/2008 20:41
    Sabrina
    complimenti per la tua escursione nel napoletano.
    Da napoletano posso dirti che hai intepretato bene la povertà e la tristezza degli abitanti dei "vasci" dove non si vede il sole e dove si fatica per mettere insieme il pranzo e la cena.
    I caratteri dei personaggi sono descritti assai bene, come sai fare tu, in particolare per quello principale, madre e moglie impazzita.
    Lascia che ti faccia i miei complimenti.
  • sabrina balbinetti il 23/08/2008 14:53
    grazie bruno dei tuoi consigli, come puoi vedere l'ho già modificata...(spero bene)... la mia era un'impresa impossibile... non basta solo amarlo il dialetto napoletano... ci vuole qualcosa in più
    a presto sabry
  • bruno saetta il 22/08/2008 10:44
    È incredibile, sei riuscita a tradurre dal romanesco al napoletano. Complimenti.
    Ci sono però vari errori, tieni presente che il napoletano usa molto la "i", invece della "e". Ad esempio: nurmalità, oppure tiempo. Poi "de" si rende " 'e", esempio: ovo 'e Pasca.
    Comunque è davvero stupenda! Sono quasi commosso.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0