PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Testamento del lunatico mal vivere alla Luna

Lo Scriverò Sognando
Impostandolo Contro il dondolio altalenante del mondo

Chi può fare del male alle fragili Onde

Il mio orgoglio l’ho buttato
In un Figlio sperduto
Nel cassonetto del nostro Mare inquinato

I miei soldi li ho strappati
dalle orecchie di tre tristi Porcellini

Li ritrovo in salvadanai ascensori
Scadenti cuori
Scendenti sempre più sù

Mentre il Sole martella
Sull’incudine delle Rose

Aspetto la tua mano in Falce luminosa
oh ben amata Luna

Nel dolore in guerra dell’Aurora
Mangio rinchiuso fra quattro stanze al mondo

Arsenico in merletti di Spumeggiante Selene
Nella rugiadosa beatitudine di un Tiranno Morente

In Soave Iranica prole

ironica demente Mente!!!!

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Dolce Sorriso il 15/07/2008 14:14
    dolce e scatenato Vincenzo,
    ne gradirei anch'io una fettina.
    bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0