PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cul de sac

L'amata riferisce novità.
Arbitrio e null'altro
se non lacunose distanze.
L'alcova dell'ingiurie
mi fagocita; l'istante
stesso della misera la vita!
Cancrena! Putrescente!
È prosaico il gemito
dell'ideologizzante.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • sara rota il 08/03/2007 21:36
    E l'ottimismo per l'amore dov'è finito? Alla prossima
  • Anonimo il 06/03/2007 09:16
    Parole sintetizzate nel veleno, un'alcova, un piacevole veleno doloroso... e come dicevano i bauhaus..."He's a God- in- in an alcove.
    Take in view his empty stool
    What's left is satin cool
    Clawing adornment for his crimes
    They saw they had to draw the line
    So they sent him far away
    So they sent him far away
    To a little alcove
    To a little alcove
    All alone"

    KX
  • Notari Silvano il 05/03/2007 20:41
    Lievi tracce Luziane in questo testo. Stringato asciutto e assolutamente in stile attualissimo. Silvano

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0