PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Chi gioca con l'anima

C’è chi gioca col cuore altrui,
chi gioca con l’anima d’altri.

Ah! quanto non sanno di essere carnefici di male,
consci od inconsci generano ferite,
ferite salate,
brucianti,
seccanti,
perché aride di rispetto
o amore
o sentimento
o umano calore

Ah! Se sapessero d’essere carnefici torturatori,
fermerebbero le loro lingue?
I loro comportamenti?
le loro decisioni?

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 10/02/2012 17:54
    No, non si fermerano perchè ne hanno piena coscienza!
  • Anonimo il 08/09/2009 13:34
    ... si la sento molto toccante ma anche liricamente stupenda nella sua denuncia!!!
  • Anonimo il 17/07/2008 13:21
    Molto toccante questa tua poesia.
    Ma penso che chi diventa carnefice del male ha conosciuto lo stesso male.
    Quando diventa consapevole che quello che fa e' male lo osserva lo riconosce.. lo accetta... ma non tace dopo aver capito... e nulla si ferma..

    Struggente e' dir poco.

    Grazie per l'averla scritta.

    nel
  • Vincenzo Capitanucci il 17/07/2008 09:11
    Nella consapevolezza.. sicuramente si... chi ha capito.. non può continuare a sbagliare... se continua vuol dire che non ha capito...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0