accedi   |   crea nuovo account

Fotografia scritta (scelte)

Bianco come un foglio,
azzurro come il mare,
come il cielo,

libera la mente
e il silenzio,

Il ragazzo con sé che non sà
che da uomo così forte e sereno forse
più non sarà
o sarà se vorrà e potrà.

Silenzio del vento,
carezzevole sulla pelle
e sulle foglie,
sulla terra piovuta che odora.

Il ragazzo che uomo non sà più quanto correre
e verso dove,
ma deve. Preferisce non scegliere
e continuare in questa vita.

Nero della notte che freddo s’avvicina
e avvolge del silenzio che ha di nulla,
ultimo respiro e niente di vita, di vita niente poi.




16. IX. 2000

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Giuseppina Iannello il 07/01/2009 15:01
    Bella poesia che contiene considerazioni veritiere sulla giovinezza e sul suo sfiorire.
  • IGNAZIO AMICO il 19/07/2008 20:54
    Profonda, sofferta, ben scritta. Bravo
  • Michelangelo Cervellera il 19/07/2008 13:28
    Triste non decidere, doloroso il senso, bella la poesia.
    Michelangelo
  • Dolce Sorriso il 18/07/2008 13:58
    BELLA.
  • Anonimo il 17/07/2008 12:10
    Struggente.
    Mi e' piaciuta molto.
    nel
  • Ezio Grieco il 17/07/2008 11:15
    ... bel flash, istantanea... piaciuta!
    clezio
  • Vincenzo Capitanucci il 17/07/2008 10:37
    Un bellissimo turchese.. due occhi grandi... aperti nella notte.. il bambino sa..
  • Fabio Mancini il 17/07/2008 10:28
    Triste, ma vera. Ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0