username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sogno

Dimmi
come si fa
ad inseguire un sogno
perduto nella lontananza
di un’illusione?

Dimmi
come si fa
a trattenere le lacrime
di chi ancora sfiorava
gli orizzonti
col pennello d’infinito
e riusciva a colorare
la speranza
col cuore in fiamme?

Nel vuoto del presente
mi ritrovo a piangere
per l’abbraccio dissolto
per lo sguardo di una donna innamorata
ormai sfumato
nell’immagine imprecisa.

E allora?
Raccolgo i residui
del pianoforte reciso
e conduco nell’aria rarefatta
le note dolenti e stonate
di una melodia
che rimane
impalpabile chimera
di chi non è riuscito
a chiudere nel pugno
le possibilità del cuore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

43 commenti:

  • Sofia Rossi il 26/04/2012 15:55
    Bellissima chiusa. Bravissimo.
  • Anonimo il 18/04/2011 13:29
    se apri la tua mano... vedrai ritroverai quello sguardo di donna innamorata... ricolora con il cuore e con la mente quel bellissimo quadro solo sbiadito nel tempo...
    Cmplimenti mi hai toccato il cuore...
  • Aedo il 18/12/2008 14:04
    Commentando la mia poesia, hai rivelato una grande sensibilità, profondità concettuale e originalità espressiva. Ti ringrazio dal profondo del cuore. Ciao
  • gabriella zafferoni sala il 18/12/2008 12:31
    l'amore e i suoi frammenti..
    la ricerca di un'unità attraverso i pezzetti spesso sparsi
    spesso si ama il sentimento lasciato o interrotto ancor più dell'interezza dell'amor presente fra incertezza o inconsapevolezza
    ma anche ciò fa parte del grande segreto dell'amor..
  • Aedo il 12/12/2008 21:38
    Grazie infinite, Aurora, per il commento veramente sentito.
    Ciao
  • Aedo il 04/11/2008 20:26
    Grazie, Anna. Le tue belle parole mi hanno trasmesso una grande gratificazione.
    Ciao
  • Anna Cervone il 02/11/2008 13:01
    La tua poesia trasporta grazie ad una serie di metafore raffinatissime e ad una collana di parole molto curate;
    è un piacere leggerti.
  • Aedo il 10/09/2008 23:43
    Grazie, Riccardo... A volte ci rimangono i residui dei sogni, le melodie spezzate, è questa la nostra vita.
    Ciao
    Ignazio
  • Riccardo Brumana il 10/09/2008 18:59
    "Raccolgo i residui del pianoforte reciso" queste sono le metafore che mi piacciono, molto bella la poesia, complimenti.
  • Aedo il 22/08/2008 22:31
    Grazie, Naida, per le tue parole, che mi sono entrate nel cuore.
  • Aedo il 12/08/2008 16:47
    Grazie infinite, Sara. I sogni racchiudono un pizzico di malinconia, ma alimentano la nostra anima.
    Un abbraccio
  • Aedo il 12/08/2008 16:45
    Grazie della tua presenza, Vincenzo, che gradisco veramente. Dobbiamo stringere fortemente i nostri sogni, perché la nostra vita in fondo è tutta lì.
    Ciao
  • sara rota il 12/08/2008 08:38
    Spero sia solo un periodo... la tristezza, è anch'essa parte della vita. Malinconica, ma mi è piaciuta
  • Aedo il 25/07/2008 13:24
    Sarò felice di diventare amico di una persona così sensibile come te, Stella. Sono contento che la mia poesia, scritta col cuore, ti abbia donato una bella emozione. Grazie infinite. Un caro saluto
  • STELLA BRUNO il 25/07/2008 11:30
    SPERO CHE TUTTI I TUOI SOGNI DIVENTINO REALTA'. HAI UN ANIMO COSI' BELLO CHE SAREI ONORATA DI AVERTI X AMICO. GRAZIE PER AVERMI REGALATO UN EMOZIONE.
  • Aedo il 22/07/2008 00:24
    Grazie, Adamo, per la tua costante presenza. È vero, i sogni ci aiutano a vivere, quando incontriamo difficoltà nel nostro percorso esistenziale.
    Un caro saluto
  • Adamo Musella il 21/07/2008 23:45
    Questi residui sono le tracce del nostro vivere... l'acqua per quando stremati e provati con cui ci disseteremo per non non perdere la speranza. Ignazio molto bravo Ciao
  • Aedo il 21/07/2008 23:09
    Grazie, Agnese. tengo tantissimo al tuo commento. Le note dolenti sono quelle di chi soffre di malinconie e non riesce a rendere reale il sogno. La fantasia è però sempre la grande energia spirituale dell'uomo...
    Un abbraccio anche a te (a quando la tua prossima poesia?)
  • agnese perrone il 21/07/2008 23:04
    "note dolenti e stonate... forse per il sentire del poeta..."
    ma non per lo scorrere melodioso anche se triste di questa
    splendida poesia. Complimenti e un abbraccio
  • Aedo il 20/07/2008 16:18
    E tu dimmi come fai ad essere così dolce e affettuosa? Grazie infinite, Dolce Sorriso.
    Un abbraccio
  • Dolce Sorriso il 20/07/2008 14:42
    dimmi tu dolce Ignazio come si fa a scrivere queste belle poesie!?
    Sei bravo
  • Aedo il 20/07/2008 11:39
    Grazie infinite, Ugo, per il tuo commento appropriato e colto.
  • Ugo Mastrogiovanni il 20/07/2008 11:14
    In questi versi Ignis fa risuonare accenti soavi e avvolgenti, discreti, mai gridati, eppure forti e necessari al suo sfogo, sempre sommesso e convincente, sempre poesia.
  • Aedo il 20/07/2008 00:34
    Sono contento, Giovanni, che tu ti sia voluto fermare nel mio angolo. La vita è un capitolo lunghissimo, hai ragione, che va al di là di dolori e rimpianti.
    Ciao
  • Aedo il 20/07/2008 00:32
    Grazie, Anna, il tuo commento mi è sempre molto caro. È vero, non sempre si riesce ad esaudire i propri sogni, ma essi rischiarano l'anima.
    Un abbraccio
  • Giovanni... il 19/07/2008 22:26
    Svaniscono i sogni svaniscono le speranze in un giorno …… ma la vita non finisce in un capitolo, è un libro lunghissimo.
    Bella ed intensa.
  • Anna G. Mormina il 19/07/2008 21:41
    ... non sempre si riesce ad esaudire i propri sogni...
    ... triste ma bella!
  • Aedo il 18/07/2008 23:35
    Grazie, Terry. Sì, appoggiamoci alle nuvole, per non perdere la vera dimensione, quella del sogno.
    Un abbraccio
  • terry Deleo il 18/07/2008 23:29
    "Sognatore è un uomo con i piedi fortemente appoggiati alle nuvole".
    Bellissima Ignazio.. i sogni aiutano a vivere
    terry
  • Aedo il 18/07/2008 23:07
    Grazie, Lucia, per il tuo apprezzamento.
  • Aedo il 18/07/2008 23:06
    Il mio precedente commento è dedicato a Nicoletta.
  • Aedo il 18/07/2008 23:04
    Se per te la mia poesia è bellissima, per me è egualmente commovente il tuo commento. Sì, anche quando l'amore vero è sfumato e le magie sfumate, rimaniamo noi con la nostra anima a sognare e colorare gli orizzonti con l'energia della fantasia, che dà una vera dimensione al nostro esserci. Grazie per le belle parole!
    Un abbraccio
  • nicoletta spina il 18/07/2008 22:42
    È bellissima e intensamente malinconica. Ma tu, oltre ad essere bravissimo poeta, sai anche vivere di sogni. E allora,
    se l'amore è sfumato, i sogni restano, e non è solo nostalgia, ma anche speranza, rifugio che consola e lenisce
    i turbamenti dell'anima. Un abbraccio
  • lucia cecconello il 18/07/2008 22:10
    Malinconica e triste bravo Ignazio ciao
  • Aedo il 18/07/2008 20:23
    È vero, cara Angelica, bisogna sempre credere con fermezza che i sogni sono dentro di noi e che possiamo, volando al di sopra delle nubi, rendere reale quello che per gli altri è solo una chimera. Grazie!
    Un abbraccio
  • Aedo il 18/07/2008 20:20
    Grazie, Suzana, di esserti accostata al mio sogno. Ciao
    Ignazio
  • suzana Kuqi il 18/07/2008 20:03
    bellissima
  • Anonimo il 18/07/2008 18:23
    Complimenti Ignazio,
    questa tua ultima poesia è molto bella..
    come si fa ad ottenere tutto ciò?
    forse non smettendo neanche per un istante, di credere che i sogni esistono... e che c'è sempre tempo per sperare in una nuova alba, che faccia vibrare la nostra anima...
    veramente bella
    ciao Ignazio
    Angelica
  • Aedo il 18/07/2008 17:11
    Amici, avevo dimenticato di mettere il titolo: Eccolo: sogno. Vi ringrazio per i vostri bellissimi commenti:Fabio, Gianna, Cinzia (hai ragione e... buon viaggio), Vincenzo, Oceano (grazie per la meravigliosa citazione), Ivan. Nei sogni riponiamo i nostri più bei momenti vissuti e poi perduti; è allora che la malinconia sembra sovrastarci... e non è così, perché basta qualche minuto, ora, giorno, anno o eternità che la fantasia apre nuovi spazi di vita.
    Un abbraccio
  • Fabio Mancini il 18/07/2008 15:36
    Una bellissima poesia. Complimenti!
  • Cinzia Gargiulo il 18/07/2008 14:37
    Ignazio non possiamo racchiudere nulla nel pugno e non è certo colpa nostra. Le cose nella vita vanno come devono andare e bisogna solo trovare la forza di accettare quello che a volte è inevitabile. Felicità è saper vivere l'attimo fuggente e non credere che l'attimo diventi eterno... qualunque sia in realtà la durata di quel momento bello della nostra vita che tutti vorremmo lungo...
    Poesia molto bella ma che sento carica di tristezza.
    L'ho letta proprio prima di chiudere la valigia, sto andando a Grosseto...
    Un :bacio:
  • VINCENZO ROCCIOLO il 18/07/2008 13:57
    La fine di una amore è sempre qualcosa di molto doloroso, caro Ignazio.
    E tu sei riuscito ad esprimere molto bene quello che si prova quando questo avviene, quando, come tu dici "non si riesce a chiudere nel pugno le possibilità del cuore".
    Mi è piaciuta molto. Un abbraccio.
  • Ivan Bui il 18/07/2008 13:05
    ... eleganza, nostalgia, dolcezza... versi veramente belli.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0