PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Verso la rovina

Quel silenzio che nella foschia stormiva
come quelle luci ofuscate nella nebbia silente.
Mi chiesi allora se sogno o realtà
la ragione mi intricava.
Quelle mani sterili, intrepide
che si immergevano nel pastoso cielo
degli alberi neri che gridavano alti
verso un dubbio distante.
Mostrano agli occhi solo lembi di bellezza
col vento mutevole che gli massaggia il capo.
Ma occhi nascosti dal grigio rumore
non scorgono tavole di ferro, ruggine e follia
che la terra coltiva come una bugia ingenua.
Non conta chissà cosa ma intanto
si nutre del suo mentire.

E il freddo avanza senza farsi sentire, rapido.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Riccardo Brumana il 24/09/2008 01:04
    SPETTACOLARE
    l'ho riletta più volte, veramente bellissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0