accedi   |   crea nuovo account

Lacrime nostre (per l’Istria)

Lacrime vuote,
senza presenza fuori,
gonfie di esistenza dentro.

Per una gente che,
dov’è?

Per una terra che,
c’è ma non più.

Un paese, più paesi
che così più non si chiamano,
gente che sa di essere
che non sa come chiamarsi.

Lacrime che gridano di soffocato dolore,
lacrime e lacrime ancora,



16. V. 2000

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0